EDVIGE CECCONI MELONI – LA SOLITUDINE NELLA GRANDEZZA

Quando hai capito che volevi diventare un artista?
Mi sento leggermente in imbarazzo nell’utilizzare la parola artista. Da poco tempo riesco, e non sempre, a padroneggiarla. C’è stato un tempo che mi pareva di profanare un termine assoluto, di cui nutro profondo rispetto. A Babbo Natale ho sempre chiesto i colori…

Potresti parlarci delle tue influenze artistiche e quali artisti ti hanno maggiormente ispirato?
Non sono stati gli artisti letti e raccontati sui libri a mobilitare qualcosa che stava già viaggiando, bensì gli incontri reali, con persone ai miei occhi speciali. Tra questi, una in particolare, mi ha permesso di carpire dalla carta, non solo un materiale, ma un modo e un mondo da vedere. Parlare e riconoscere “la gente del tuo paese”, trovare dove la parola si annida veramente. Le mie influenze artistiche, sono state quelle scintille solitarie, che, come tempo fa credevano nella loro arte, continuano senza indugio.

Preferisci lavorare da sola o con altri artisti?
È una domanda complessa. Credo non vi sia un tempo scandito per lavorare. O pensare. È possibile far conciliare tutto, contemporaneamente. Si possono fondere insieme, concetti, persone e situazioni. Poi tornare soli di fronte a un muro e riordinare questo tram affollatissimo di perché.

Ci puoi raccontare un progetto al quale stai attualmente lavorando?
Ho le mani in pasta in diversi fronti, questo mi piace particolarmente. Quando una
dimensione entra in un’altra e si creano spunti inaspettati. Una piccola chiesa
sconsacrata, è al centro dei miei pensieri…

Cosa avresti fatto se non fossi diventata un artista?
Sono un’artista? Lo sono mai stata? Lo diventerò? Si può diventare artista? E, poi, cosa implica realmente, esserlo? Mi abbandono con e nel tempo, con questo risponderò.

Quali consigli ti sente di dare ad un giovane che voglia diventare un artista?
Sono piuttosto giovane, nonostante i miei taccuini siano colmi di riflessioni e interrogativi. Non dico nulla, ma credo che il più grande lusso per un essere umano sia essere se stessi. Non vi è altro modo, per raccontare qualcosa di onesto, nella vita come nell’arte.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: